Poesie

Promesso alla mamma

Sai filare
cucire tessere ricamare
cucinare e capire.
Non sai rubare,
non sai mentire
e non sai ferire.
Ti ho visto
falciare l’erba
mietere il grano
mungere il latte
e accarezzare tutti noi.
Ti esprimi con le mani,
così…lavorando.
Per chi parla con le mani
non esiste facoltà
che laurei.
Dieci e lode
io ti aggiudico con amore
e del tuo linguaggio
ne sarò continuatore.
Tuo figlio.


In pieno giorno in Po

Una giorneda limpida In pin’istee col Po in ‘”pina” e’l-sol a péch
da l’aeroplan in un dialèt specc sé v-deva inà fin a cà ‘d-Crest,
cun la còva ed l’occ, seguend al cors dal Po in pianura.
Al center ed la corent, una berca sensa rèm, l’andev’adree al vent,
cun denter un, szaquee a pansa a bas a bras avirti, “Nud nee”.
S-ral viv o mort o ciaparal al sol?
A ragion o tort cun al second pilota cun ‘na vireda e un pasagg bas
I’hom decis ed deregh un’oceda
Dop ed du gir s’è gnuu ‘l-sospètt ed vèdregh dòpi,
al ters : la realtee, quand al nudesta al s’è tufee
in un bater d’occ detsà e dedlà.
Quater bras fora da l’acua i feven di gest
chin n’eren mia né d’aiot, ne ’d-salot.
Ass-siòm resz cunt subét d’aver fat ‘na coioneda:
-Vè mo, al solitari da testa pleda cun scusa ‘d-n’abronzeda !
a lò e la soo bèla sensa vrer, ”g’hom “ròt i’ov in dal paner”.-
Chi pol immaginer quanti cancher chi du lè i saran perghee !
Sospèt immaginari ch’in stan nè in cel n’è in tèra,
sperom sol che i seien meno ed còi chè stee perghee a “Pippo” al temp ed guèra.


Al Po: dols e brosch

-‘Na primavera triste dal quarantesinch, un ploton ‘d-Tognèt i’han tot sòt gamba ‘l-Po.
Per traverserel: dòp ‘na corsa e fat al selt, eren mia di ragn ian fat al bagn.
A l’imbrunir, più avanti, ander in zò:
Eren tut in fila a fer ciusa cunt’r’un punt a pansa in su, cun l’elmèt incòra incò.-

L’acua, in d’la soo corsa la va per la soo “streda”,
sorda al maledision, l-an-n’à caghee nison
cun d’i’arvòi fat a lodrèt, ch’i fan girer la testa perfin a chi g’ha i’occ perfèt,
meter e meter cubi d’acua dolsa is bot’n-in mer, finii la corsa.
“Szlongher al ven cun d’l’acua, al d-venta ven sutil!”
al mer no, sagh badee, l’armagn semper salee
e dir ch’el Po l’ha semper cors in zò dal temp ch’al s’è formee !
Simiotand cun “cherta bianca” dal raisi al g-strapa al pianti;
al cambia i banch ed sabia;
al s-tira adree al carogni, al squacia dal vergògni.
C’mè un pianeta intorn’al sol,
busz on busz quand l’è-l moment, al Po al fa c’mè-l vol:
A meno che cun la soo acua e tut al soo da fer,
al s-sea mes in testa ed diseter al mer.


Un gior’n-a Po

Un dé qualunque intor’n-al Po cun la fumana basa, s-vèd al punti d’i’elber in cel sensa raisi.
Al moment dal cant dal gal, I’oslen I fan rumor e is cor’n’adree tra lor.
Quand nas al sol e la calura, s-leva la fumana al cel al s’è s-ciaress,
intoren as vèd de tut, la luna la sparess:
Un velo ‘d-brillantina l’è l’efet d’la guasa sui pree tut ben petnee;
come una magia al punti d’i’elber I s’unesen ai tronch, monch.
Portee da la corent, pasen in fila indiana,
di tronch ed lègn in dal s-ciumon, come tanti biscoten pocee in un capusen;
botegli in d’la corent baler a temp ed valser, come ghèsen al salvagente;
pescador abronszee col capel d-paia schisee zo fin a i’orècc e ben grupee;
atleti in canoa pighee s’un fianch, c’mè g-fus al vent, per vinser la corent,
un barcon, risalir al fiom cun al fiee curt, al fòma più che un turch;
personi ansiani i vinen e i van avanti e indree pian pian, c’mè s’i spetesen un quel chi don per vènder d’i’an;
dietri, i ciap’n-al sol come d’jngòr, i caturen l’energia, po’ i van vea;
chi fa scorta ed raisi per fer di suvenir e di repert antigh p’r- i musei o per i’amigh;
chi, s-rincòr in di piopeti, su e zo per i senter, finchè incoo al d-venta ier;
“Nov mes dòp al s-sent a dir: A tleva dét! tgnu strechi sòt al laszeni cun i dii: i du d’ier jen d-ventee tri”.
Al Po l-pol fer de tut: Mètt’a seder adree la riva
E tin d’occ a tut col ch’pasa cun i’arvòj in mèsz a l’acua
cun dal tat, col guerda féss luntan in dal “spècc di mat”
c’nun psigot ed fantasea: At vèd tut còl ch’at per, anca s’al ghè mia.
Quand po’-l Po al d-venta ròss c’mè ‘n-stèss ardent, vol dir che a l’orizunt è rivee-l cunt:
Al cambi scambi col cel stelee e-l Dio Sole ch’lè stee oscuree.
La matena dòp , dal dé qualunque, ed cambiee, ghe sol la data.
Sat t-see detsà voltee vers la corent, cun la man dreta at punt l’indice a matena;
sat tse dedlà, e tal fee cun la mansena
l’è come dir che l’acua ed Po, l’è semp’r-andeda in zo.


In gita cun la “Stradivari” in d’l’Eridano

L’acua come semper la cureva in zò
come as disz despès : l’andeva per la soo streda;
limpida, trasparente, a brasèt cun un bel sol
intent a scalder la brèsa primaverile ch’la careseva
i paseger d’la motonave ch’i risaliven controcorent,
in dal mèsz dal “grande fiume”.
“Sover e sottocoperta”, al silensi ‘l-regneva sovrano
anch s’al n’era né d’obligh né strano.
L’emosion provocheda dai riflès dal sol
ch’al se s-pecieva in d’l’acua increspeda
da un fil d’aria su i’ondi ‘d’urt d’la cheglia in corsa silenziosa
dirèta da man esperti: l’è steda forte!
Novitee, sorpresi, e tanti amigh,
is polen incuntrer tùti in una volta,
solament, longh al percors ed fianch al fiòm.
Al Po l’è un’enciclopedia colma d’acua c’la conserva flora, fauna,
c’mè vol la tradision, fedele al soo stagion.
Fotografi, scritor, scultor pitor registi musicisti e cantor,
dal Monviso fin a Comacchio, In sin mai scordee dal Po;
né, dal fruscio ‘d’ l’acua in corsa ch’la sé-r-vulta p’r’ander zò,
cambiand forma, rumor, tonalitee,
c’mè fa un strument a corda cun l’archèt anch s’lè stonee;
o come s’un toch ed tela cun matita o un pnèl
o s’un tronch legn cun un scarpèl,
cun i’emosion ch’i proven a lung-ander
di brev artesta, anch s’an suced gnint,
a chiunque al Po, gh’ispira semper quel da fer, o da creer.


Presepe vivente

Ombre deformi, tremolanti
proiettate da una luce rossastra delle cataste ardenti
accorrevano alla capanna del “Miracolo”.
Lampi accecanti di gente in cerca di memorie
rompevano lo stupore.
Mansueti al divino incanto
l’asino intonava il suo verso,
la mucca l’accompagnava,
la pecora belava, l’agnello rispondeva.
Poi solo devozione e silenzio.
Non conoscevo alcuno,
non percepivo il freddo invernale,
con lo sguardo costante alla capanna,
lavoravo d’istinto.
Nella memoria investita dall’eccezionale
un pensiero rimuginava:
Perché ho aspettato tanto?

La sera del 5 Gennaio 2005, nel campetto che fiancheggia la chiesa di S. Giovanni della Fossa, per la prima volta, ho partecipato alla rievocazione della Natività di N.S. dal vivo.
==========================
La poesia precede il racconto sulle varie fasi di una svolta spirituale, senza la quale non avrei avuto l’ispirazione per crearla.
La poesia, è stata ispirata dall’emozione e dalle suggestioni provate quando ho partecipato come comparsa ad un presepe vivente ed è stata scritta la sera stessa, prima di addormentarmi.
Sotto un capanno semibuio, costruito con canna di palude, impagliando una sedia, ho intimamente rivissuto le emozioni della Natività, rapito da qualcosa di straordinario che mai mi era accaduto prima. Forse è stato proprio questo evento a far rivivere in me una fede che era solo addormentata e il cui germe mi era stato donato dai Sacramenti.
===========================

L’inizio.
Trascorsi i tre giorni al Cursillos di Cristianità, al 35° corso uomini passati nella Villa Santa Maria a Fornovo Taro dal 18 al 21 Febbraio 2004, il quarto giorno, è all’infinito………
L’anno 2004 non è stato solo Il momento della svolta, ma anche l’inizio di vari pellegrinaggi.
Il merito,va all’amico e fratello Giovanni Cattini


3 risposte a “Poesie”

  1. valeria e claudio scrive:

    Zio, sei FORTISSIMO!!!!!!!!!!!!!!!! Complimentoni x il nuovo sito!! Non ci facciamo mancare nulla, eh??? Volevamo farti i complimenti x il tuo ultimo libro……………… E’ veramente emozionante, sincero, familiare, tenero…………………..in poche parole………….STUPENDO!!!

  2. Paolo scrive:

    Ciao CUGINETTI…………. Tutto bene?

  3. alessandra scrive:

    bravissimo! la contatto appena possibile ! tanti Auguri!

Rispondi a valeria e claudio